Dall'Italia

R. Emilia: condannato prende quattro persone in ostaggio. “Voglio parlare con Salvini”

emilia ostaggi

È entrato all’interno dell’ufficio postale urlando “Fuori. Fuori” ai clienti presenti in quel momento. Poi ha preso in ostaggio le cinque dipendenti dell’ufficio. Questo quanto avvenuto alle 10 di stamattina a Reggio Emilia. A sequestrare le persone (ora quattro dopo l’uscita di una dipendente ferita) c’è Francesco Amato, 51 anni, condannato qualche giorno fa a 19 anni e 1 mese per associazione mafiosa al termine del maxi processo Aemilia e latitante fino ad oggi.

Sul posto presenti le forze dell’ordine e attualmente è in corso una trattativa tra il sequestratore e un intermediario. Al momento Amato sembra aver chiesto di parlare con il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. L’uomo ha con sé un coltello da cucina che minaccia di usare contro gli ostaggi.

Ostaggio liberato

Nel corso della mattinata Amato ha fatto uscire una delle dipendenti dell’ufficio postale, che aveva riportato una ferita. La donna una volta messo piede fuori ha avuto un mancamento ed è stata immediatamente soccorsa dal personale medico. La zona è stata evacuata e i negozi chiusi.

Articoli Correlati

La Meloni contro il Festival della Canapa: un’occasione persa per stare zitti

Antonio Pannella

Stazione spaziale cinese: ecco le novità e come vederla da Napoli

Gina Uliveto

Allarme bomba a Roma. Evacuate sedi della Rinascente

Antonio Pannella

Lascia un commento

*Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.