Attualità Politica

Sant’Antimo. Cesaro attacca il sindaco Russo: “Non faccio il suo nome perché ci sono strane dicerie. Porta sfortuna”

Il capogruppo regionale di Forza Italia, Armando Cesaro, nel corso del suo intervento sul collegati alla Finanziaria Regionale, ha attaccato la scelta di non destinare 300 mila euro per l’emergenza cedimenti che sta interessando in questi giorni la città di Sant’Antimo.

L’attacco

“Una norma di buon senso, perchè dovete sapere colleghi che l’altro ieri è crollato un altro palazzo a Sant’Antimo, ci sono altre 60 persone sfollate, è stata cancellato. Io voglio vedere quando verrete a fare la campagna elettorale a Sant’Antimo (riferendosi alla maggioranza) dovrete dire: «C’erano trecento mila euro per Sant’Antimo, e li abbiamo tolti». Voci dicono che sia addirittura intervenuto il sindaco, di cui purtroppo non posso fare il nome perché ci sono strane dicerie nel paese, dicono che sia la causa di questi crolli per moti non suoi, diciamo così. Presidente porta un po’ sfortuna, dicono, e quindi io non mi permetto di nominarlo. Io vi voglio vedere di venire a fare la campagna elettorale in un paese dove voi avevate dato trecento mila euro, che erano anche pochi data l’emergenza che c’è, e dove il sindaco si è impegnato a far togliere i fondi, dicono voci e telefonate, ma mi auguro che non sia vero, perché l’emendamento era a firma Cesaro. Non so se vi dovete vergognare più voi o lui“. 

La risposta

Il sindaco Aureliano Russo, ha già fatto sapere di essere intenzionato a prendere provvedimenti nei confronti di queste parole.

L’allarme crolli

Nel frattempo comunque la paura della cittadinanza riguardo i crolli che stanno interessando Sant’Antimo aumenta sempre di più.

Foto: Pagina ufficiale Armando Cesaro

Related posts

Acerra-Raccolta differenziata. Da domani in vigore le nuove modalità

Antonio Pannella

Regione Campania-Gas Radon: le indicazioni per esercenti e commercianti campani

Antonio Pannella

Casalnuovo. Razzini scrive al sindaco:”Salvaguardare la popolazione dal traffico aereo. Causa di gravi malattie”

Antonio Pannella

Lascia commento