Attualità

Acerra. Ricicla la plastica e vinci: ecco come funziona

consegna la plastica e vinci acerra

Dite la verità, avete visto questi piccole strutture (vedi in foto) in giro per la città e vi siete chiesti: “Ma che sono e a che servono?”. Oppure sapevate a che servivano ma vi domandavate: “Ma quando entreranno in funzione?”. Ecco alcune risposte alle vostre domande. Venerdì 14 Giugno si terrà una conferenza stampa (che naturalmente seguiremo), in cui il Comune di Acerra e la Tekra (società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città) presenteranno il progetto.

conferenza stampa ricicla e vinci

Cosa sono?

Queste strutture sono macchine intelligenti eco-tecnologiche per la raccolta della plastica e, forse, delle lattine. In pratica, invece di buttarle potrete conferirle presso queste strutture. “Vabbè o le butto lì o nell’immondizia non è la stessa cosa?“. No! Infatti se le conferirai presso queste strutture (localizzate in vari punti della città, tra cui piazza Falcone e Borsellino e via Diaz. Clicca qui per sapere dove sono situati gli altri riciclatori), avrai la possibilità di ottenere un premio. Ma procediamo con ordine.

Chi può conferire i rifiuti?

Tutti i cittadini acerrani in regola con il pagamento della Ta.Ri., la tassa dei rifiuti. Ogni cittadino che vorrà consegnare le proprie bottiglie o lattine, dovrà prima inserire il proprio codice fiscale. Il software capirà se si è in regola con il pagamento e permetterà il conferimento.

Come funziona?

Il meccanismo dovrebbe essere semplice. Ad ogni consegna riceverai un punto, che verrà accreditato sulla tua scheda virtuale. Al raggiungimento di una data soglia otterrai un premio. Ti verrà consegnato uno scontrino con il quale potrai ritirarlo.

Ma saranno soldi o sconti?

Da quanto trapela, no. Saranno veri e proprio premi, che Tekra regalerà ai cittadini più diligenti. Per saperne di più sui premi, clicca qui.

Articoli Correlati

Acerra. Annuncia suicidio in un video. La polizia lo salva

Antonio Pannella

Sant’Antimo. Cesaro attacca il sindaco Russo: “Non faccio il suo nome perché ci sono strane dicerie. Porta sfortuna”

Antonio Pannella

Insultare un professore ti può costare caro: sai che si rischia fino a tre anni di carcere?

Crescenzo Crimaldi

Lascia un commento

*Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.