Attualità

Come fare per essere felici? Ecco un approfondimento sugli studi e le analisi effettuate in questo campo

La felicità è la soddisfazione di aver realizzato gran parte dei propri desideri. E’ dunque un insieme di emozioni che procurano gioia e benessere in un momento della nostra vita che può essere più o meno lungo e si riflette su diversi aspetti: materiali, biologici, sociali, culturali. Può spaziare dalla visione della crescita serena e spensierata di un figlio ad un posto di lavoro di prestigio, dal possesso di ingenti somme di denaro ad una sana salute fisica, da lunghe vacanze per il mondo all’appagamento sessuale.

Essere felici infatti regala benefici inaspettati. Vittorio Andreoli, uno dei più stimati psichiatri italiani spiega che “la felicità è legata al sistema gratificazione-frustrazione”.

Differenza tra donne e uomo

Uomini e donne vivono le emozioni (positive e negative) in modo diverso. La felicità femminile raggiunge l’apice in età avanzata quando le pressioni legate alla vita familiare diminuiscono. Le donne inoltre hanno un rischio doppio rispetto agli uomini di sviluppare depressione, ma sono più veloci ad uscirne. Questa predisposizione è bilanciata dal fatto che le donne vivono più intensamente le emozioni. Gli uomini invece manifestano una maggiore capacità di risoluzione del problema rendendo l’umore positivo più stabile.

Da uno studio condotto dall’Università di Melbourne (Australia) e Warwick (GB) durante il quale è stato posto a persone di diverse età la domanda “Quanto sei soddisfatto della tua vita nel complesso?”. Il risultato della ricerca, riportato sul grafico che segue, ha prodotto una curva ad “U”. La felicità quindi muta nel corso degli anni seguendo picchi più alti ai 20 anni ed ai 60-70 anni. La curva scende raggiungendo il punto più basso intorno ai 40-50 anni (crisi di mezza età) in quanto in quel periodo si fa un bilancio della propria vita (bilancio quasi sempre negativo rispetto ai progetti dei 20 anni).

Giusto cibo=più felicità

La felicità è anche legata al cibo. Secondo uno studio spagnolo, una dieta mediterranea ricca di frutta e verdura, pesce, noci, olio di oliva e poca carne, rende più felici. Alcuni alimenti infatti alterano i livelli di serotonina, il cosiddetto ormone della felicità. Le banane ad esempio aumentano le concentrazioni di questa sostanza mentre alcool e caffeina ne inibiscono l’azione aumentando ansia e depressione.

Secondo Giulia Enders, autrice del bestseller “L’intestino felice”, il segreto della felicità si cela nella pancia e, più segnatamente, nell’intestino che possiede il secondo sistema nervoso più esteso (dopo il cervello). Ne consegue che se l’intestino è felice, è felice tutto il corpo. In campo sessuale è stato dimostrato che l’appagamento sessuale rende felici come avere un aumento di stipendio del 130%.

Einstein: la “ricetta della felicità”

Una delle menti più geniali del ventesimo secolo, Albert Einstein, ha scritto nel 1922 la ricetta della felicità su due biglietti lasciati in mancia ad un corriere di Tokyo. I due biglietti sono stati battuti all’asta per oltre 1,5 milioni di euro. Cosa è scritto sui due biglietti??  Sul primo: “una vita calma e modesta porta più felicità di una ricerca del successo abbinata a una costante irrequietezza”;  sul secondo “quando c’è una volontà, esiste una vita”.

Come fare per essere felici? Affrontare la giornata con atteggiamento positivo, stare in compagnia, condividere emozioni e regalare sorrisi. E anche la salute ne gioverebbe.

Related posts

Sette motivi per cui allenarsi sempre… (anche se l’estate è lontana)

Antonio Pannella

Maltempo ad Afragola: diversi danni in città. Poteva essere una tragedia

Antonio Pannella

“La Campania diventerà terra di Sperimentazione Nucleare”

Antonio Pannella

Lascia commento