Cronaca

Casalnuovo. Comune perde finanziamento di 25 mila euro: bocciati due progetti

Palazzo Lancellotti Casalnuovo

Mentre in giro per la provincia di Napoli i sindaci di diversi comuni esultano per aver ottenuto un finanziamento di 25 mila euro da parte della Camera di Commercio di Napoli per progetti volti alla promozione dei beni culturali e/o attività turistiche del territorio, valorizzazione delle eccellenze produttive locale o al sostegno allo sviluppo economico territoriale, a Casalnuovo tutto tace. Il motivo è abbastanza semplice: Casalnuovo non ha ottenuto il finanziamento in quanto i due progetti presentati sono stati bocciati. Ma procediamo con ordine…

Il bando

Lo scorso Settembre, la Camera di Commercio di Napoli ha emanato un bando a favore dei Comuni della provincia di Napoli e delle Proloco. La somma a disposizione era di un milione e mezzo di euro. Ogni comune poteva presentare dei progetti con un budget massimo di 25 mila euro, mentre le Proloco avevano un tetto di 10 mila euro. Naturalmente diverse amministrazioni ed enti ne approfittano e presentano il proprio progetto, anche perchè 25 mila di certo non sono pochi soprattutto nel periodo natalizio dove è più facile organizzare eventi o investire, per esempio, nelle luminarie.

Il risultato

Andando a scorrere però l’elenco dei comuni ammessi non c’è Casalnuovo, che aveva presentato due progetti. Dando uno sguardo poi all’elenco dei progetti bocciati capiamo anche il perchè.

Il primo progetto è stato bocciato in quanto “mancavano gli allegati richiesti ai sensi dell’art.6 del bando a pena di esclusione“.

Il secondo invece non è stato finanziato perchè il progetto, nel corso della valutazione di merito, non ha ottenuto il punteggio minimo, prestabilito in 10 punti (ne ha raggiunti solo 5).

Related posts

Drogavano passeggeri sui treni Napoli-Roma per poi derubarli: 4 persone arrestate

Antonio Pannella

Ruba piante e fiori pubblici nel Casertano. Il sindaco: “Un imbecille. Abbiamo chiesto il suo allontanamento”

Antonio Pannella

Nolano e Acerra. Puzza di bruciato nell’aria: ecco il perchè

Antonio Pannella

Lascia commento