Attualità

Acerra. Strisce blu a Piazza Castello, ma qualcosa non torna

parcheggi acerra piazza castello

Acerra. Nuove strisce blu comparse a piazza Castello in via sperimentale. L’annuncio era già stato dato dal sindaco Raffaele Lettieri nel corso di un video sui social. Però, nonostante il colpo d’occhio sia decisamente scadente, ci sono altri due elementi che destano delle perplessità.

Nessun parcheggio per disabili

Il primo è che, nei nuovi posti, non ci sono strisce gialle riservate ai disabili. Attenzione, non era assolutamente obbligatoria mettere uno stallo giallo, visto che la media dovrebbe essere di uno stallo per disabili ogni 50 posti. Naturalmente sarebbe stato un bel gesto sopratutto nei confronti di chi vorrebbe andare in piazza Castello a godersi il centro storico della città, ma spesso è impossibilitato a farlo perchè nelle vicinanze non c’è un parcheggio riservato.

Percorso per ipovedenti e parcheggi attaccati tra loro

La seconda perplessità è invece potenzialmente pericolosa. Un paio di stalli, infatti, sono posizionati a ridosso del percorso pedonale riservato agli ipovedenti e ai non vedenti. Mentre alcune strisce sono separate dal percorso pedonale da alcuni paletti, quelli di cui parliamo (che potete vedere nella foto) sono praticamente attaccati al suddetto percorso.

Ma non è un po’ pericoloso permettere che auto e persone ipo e non vedenti siano praticamente attaccati gli uni agli altri? Forse chi ha posizionato i nuovi stalli a pagamento non aveva considerato questo dettaglio, ma sarebbe meglio risolvere questo potenziale pericolo prima che accada qualcosa di grave.

Cos’è un percorso per ipovedenti?

Si tratta di un percorso riservato a persone che hanno problemi di vista oppure sono ciechi. Questi possono però camminare con l’ausilio di un bastone utilizzando le linee e i rilievi così da permettere loro di orientarsi. Questo sistema è utile anche per le persone anziane, che con il passare del tempo perdono le loro potenzialità visive. I colori contrastanti tra la pavimentazione normale e quella con rilievi, garantisce loro una maggiore visibilità. In questo modo riconoscono facilmente la strada da percorrere per evitare pericoli.

Related posts

Acerra. L’assurda vicenda: “Tu non puoi entrare nel negozio perché tuo nipote ha il Coronavirus”

Antonio Pannella

Cimitero Fuorigrotta: luci votive spente da anni e nessuna manutenzione. I cittadini: “Nessuno ci ascolta”

Antonio Pannella

Sapevi che l’ora legale è stata abolita? Ecco quando cambierai le lancette per l’ultima volta

Andrea Crimaldi

Lascia commento