Politica

Bene ma non benissimo: a Casoria qualcosa è andato storto

foto comune casoria

Casoria ha scelto: il nuovo sindaco della città sarà Raffaele Bene. Emergono però alcuni dati sostanziali e che è impossibile non trascurare, e naturalmente parliamo della percentuale di votanti. Un vero record in negativo: solo il 30% che vale la palma della città con la percentuale più bassa di tutta Italia (ci perdoneranno i cittadini di Briga Alta, nel cunese, se con i loro 22 votanti ed il 20% di affluenza al ballottaggio, non li teniamo in considerazione in questa speciale classifica).

I dati impietosi

Parliamoci chiaro, che l’affluenza al ballottaggio sia decisamente più bassa è un dato di fatto. I motivi sono vari: non avere più in corsa il proprio candidato ideale, i candidati al consiglio comunale non “tirano”, i primi caldi estivi, una campagna elettorale talvolta al “veleno”. Ciò nonostante è enigmatico che solo la metà dei cittadini che hanno votato al primo turno, si sia poi recata a votare al ballottaggio. Solo il 30 per cento degli elettori aveva chiaro chi fosse il proprio sindaco ideale.

Ha deciso meno del 20%

L’astensionismo come si suol dire in questi casi ha vinto. Una vittoria però del tutto sterile e inutile, anche perchè in pratica, il neo sindaco Raffaele Bene ha trionfato ottenendo solo il 17% di consensi degli elettori totali. Quasi 11 mila preferenze (che ha perso circa 4 mila preferenze dal primo turno) a dispetto dei 63 mila elettori. Sommando i voti ottenuto da Angela Russo, sia arriva a meno di 20 mila preferenze in tutto. Di certo la politica tutta dovrà certamente interrogarsi sul perchè un esercizio di democrazia quale è il momento delle elezioni, sia finito in questo triste modo, guadagnandosi il non invidiabile record di città con la percentuale più bassa di elettori al ballottaggio in tutta Italia.

Related posts

Brusciano. Duro attacco del Movimento 5 Stelle al sindaco Romano

Antonio Pannella

Paolo Russo nominato responsabile del Dipartimento Sud di Forza Italia

Antonio Pannella

A Napoli e provincia il Movimento 5 Stelle è spaccato a metà: “Capasso dia le dimissioni”

Antonio Pannella

Lascia commento