Cronaca

Incendio Caivano-Pascarola. Di Gennaro spa: “Situazione sotto controllo. A fuoco magazzino con carta e cartone. No materiali pericolosi”

roghi tossici

 

Sebbene siano ancora in corso le operazioni di spegnimento all’interno dello stabilimento della Di Gennaro spa, la situazione sembra essere quanto meno sotto controllo. In realtà così come detto nel pomeriggio, l’incendio seppur di dimensione vaste era stato immediatamente circoscritto evitando così il propagarsi sia in altre aree dell’impianto che nelle aziende vicine.

Pochi minuti fa è arrivato anche il comunicato della Di Gennaro spa, che ha spiegato l’attuale situazione nell’impianto e sopratutto cosa sia andato a fuoco.

La nota 

“Oggi alle 13 lo stabilimento di selezione della Di Gennaro spa situato nell’ASI di Caivano è stato teatro di un grave incendio sviluppatosi nel magazzino di stoccaggio della carta e del cartone. Grazie alle procedure antincendio adottate e al pronto intervento delle maestranze prima e dei vigili del fuoco poi, fortunatamente è stato possibile evitare il propagarsi delle fiamme all’intero complesso”.

Le cause

“Le cause sono al momento ignote e sono in corso indagini da parte dei Vigili del Fuoco, così come l’ARPAC farà le doverose verifiche sulla qualità dell’aria. E’ tuttavia doveroso rilevare come il rischio di incendio, purtroppo sempre presente in queste attività, aumenti esponenzialmente quando i quantitativi di materiale in giacenza, pur nel rispetto dei limiti autorizzativi, sono maggiori e, ovviamente, d’estate con le alte temperature”.

No ecoballe

Nel corso delle prime ore del pomeriggio erano state diffuse diverse notizie riguardanti la presenza di rifiuti pericolosi e soprattuo di ecoballe, in realtà così come dice la nota, nulla di tutto ciò è andato a fuoco: “L’impianto della Di Gennaro seleziona solo raccolta differenziata urbana (plastica, carta, metalli, legno), rifiuti secchi non pericolosi provenienti da attività economiche (sempre carta/cartone, plastica, legno, ecc.) e modesti quantitativi di rifiuti ingombranti provenienti dai comuni. Non sono quindi presenti materiali pericolosi né vi sono mai state stoccate ecoballe”.

La preoccupazione

“Dopo i due incendi che, nell’ultimo mese, avevano colpito altrettanti impianti di selezione della plastica campani, la Di Gennaro spa, aveva comunicato ai Comuni, agli Operatori di raccolta, alla Regione Campania, alle Prefetture campane e ai Consorzi CONAI e COREPLA di non essere suo malgrado nella condizione di ricevere conferimenti aggiuntivi per supplire al fermo degli altri impianti, proprio per evitare di superare i limiti di stoccaggio autorizzati e per non accrescere ulteriormente il rischio di incendi. Purtroppo il problema principale è legato ad un sistema di raccolta differenziata che privilegia la quantità senza tener conto della qualità, ciò comporta una notevole produzione di sovvalli da smaltire, proprio quando il sistema degli smaltimenti in Italia è al collasso. Perfino il sistema dei consorzi del “Sistema CONAI” fatica a gestire gli scarti di sua competenza e quindi ad assicurarne l’asporto a fine lavorazione.  Con la scia degli incendi nelle piattaforme, era purtroppo cominciato il nostro incubo. Negli ultimi mesi, preoccupati per quanto stava accadendo da Nord a Sud, abbiamo intensificato ancora di più la nostra azione preventiva: turni ininterrotti per monitorare l’azienda, un sistema antincendio all’avanguardia e personale qualificato, recentemente anche l’acquisto di un’auto botte per intervenire in modo immediato in caso di fiamme”.

La solidarietà degli operai

“Ci conforta la solidarietà di tutti i dipendenti e delle loro famiglie e di quanti sanno che la nostra azienda, attiva da generazioni, ha sempre operato e continuerà ad operare nel pieno rispetto della normativa ambientale. Siamo cittadini di questo territorio, qui viviamo e lavoriamo, e siamo i primi a chiedere che si possa presto fare chiarezza su quanto accaduto. Ci auguriamo inoltre che questo incendio sia da monito ai consorzi nel garantire una sollecita risposta alla collocazione di materiali selezionati che allo stato attuale non riescono a trovare sbocco. L’amministratore delegato, Giuseppe Di Gennaro, ringrazia in modo sentito tutto il personale, i vigili del fuoco, le autorità locali, le forze dell’ordine e di polizia, per l’impegno profuso“.

Related posts

Afragola. Si cala dal balcone per sorprendere l’ex moglie con un uomo: arrestato

Antonio Pannella

Nel Nolano. Distrugge auto e fioriere e poi aggredisce la Polizia

Antonio Pannella

Torre del Greco. Rubavano radio dalle auto: fermati in due

Antonio Pannella

Lascia commento